art_books_001

Libri belli usciti quest’anno

Wasting Time on the Internet – Kenneth Goldsmith

Ovvero: vuoi vedere che tutte quelle ore passate a vedere video di mici possono essere produttive? E ancora: quest’attività può diventare creativa? Questo libro risponde alle vostre domande e traccia un’analisi lucida di molte dinamiche di accumulazione, archiviazione, navigazione che abbracciano noi comuni user.

The Tao of Bill Murray: Real-Life Stories of Joy, Enlightenment, and Party Crashing – Gavin Edwards

final-cover-art_0

Bill Murray lo conosciamo tutti. Attore hollywoodiano, negli anni si è ritagliato diversi ruoli eccentrici, sublimi, bizzarri. Beh, Bill non è molto diverso. Questo libro raccoglie una serie di aneddoti di storie davvero successe con Bill Murray come protagonista. Perché forse non lo sai, ma Bill è il tuo prossimo animale guida.

Branding: In Five and a Half Steps – Michael Johnson

E’ già stato definito come la guida definitiva step-by-step alla creazione di un brand di successo attraverso splendidi casi studi. Firma uno dei più graphic designer al mondo. Non vi pare una garanzia grande come una casa?

Curiocity – Henry Eliot and Matt Lloyd-Rose

Edito da Penguin Books, Curiocity è una guida dalla A alla Z in 26 capitoli (come le lettere dell’alfabeto!) con illustrazioni, saggi, mappe che fanno esplodere gli angoli più curiosi e storici di Londra. Un modo incredibile e unico di vedere la capitale britannica.

thumbnail_img_8470

The Intelligent Lifestyle Magazine – Francesco Franchi, Christian Rocca

Gestalten è una bellissima casa editrice tedesca che pubblica libri che noi consideriamo veri e propri piaceri tattili e visivi. Questo tomo in particolare ci è piaciuto perché è dedicato a una rivista italiana, IL, rivista del Sole 24Ore che negli ultimi anni è divenuta un vero punto di riferimento come layout, illustrazioni e linea editoriale.

Diorama – Marco Magurno

Un libro incredibile. “Marco Magurno si dedica da anni alla comunicazione visiva. Marco ha avuto una visione che erano tante visioni e le ha volute congelare, proprio come fa il diorama, in un luogo fisico: la carta.” Chi scrive ora, ne ha scritto qualche mese fa qui.